Call for papers. Conferenza GARR 2020. Sostenibile/Digitale Dati e tecnologie per il futuro

 

È aperta la call for papers per la Conferenza GARR 2020 “Sostenibile/Digitale. Dati e tecnologie per il futuro, che si terrà presso l’Università di Palermo dal 20 al 22 maggio 2020.

Il tema centrale dell’edizione di quest’anno è la sostenibilità digitale, ovvero sia le modalità sostenibili di sviluppo della tecnologia, sia i modelli (con particolare riferimento agli obiettivi di Agenda 2030) con i quali si possono utilizzare le tecnologie digitali per produrre impatti ed effetti positivi su ambiente, società ed economia.
Il tema sarà declinato mantenendo il focus sulle specificità della comunità GARR che per sua natura è multidisciplinare.

Sono invitati a proporre contributi tutti coloro che sono protagonisti di esperienze di innovazione nel mondo dell’università, della ricerca, della scuola, della sanità, dei beni culturali.

La scadenza per la presentazione dei contributi è il 3 aprile 2020.

  • Temi principali:
  • Cybersecurity
  • Internet of Things
  • AI, Machine e Deep Learning
  • Big data e Smart Data
  • Reti 5G: nuove architetture e applicazioni
  • Blockchain
  • Sustainable ICT
  • Green computing
  • Agritech
  • Ambiente e clima
  • Energia
  • Smart city and communities
  • Industria 4.0 e trasferimento tecnologico
  • Didattica digitale
  • Open Science
  • Data management
  • Long Term Preservation e accessibilità dei dati
  • Data interoperabilità fra Infrastrutture Europee di Ricerca (ESFRI)
  • FAIR Data and EOSC
  • Ricerca biomedica e dati sanitari

Testo completo della call e maggiori informazioni sul sito dell’evento: https://www.eventi.garr.it/it/conf20

Segui gli aggiornamenti sui canali social di @ReteGARR: #confgarr20

CRESCO per COVID19

Dati COVID-19 della Protezione Civile

L’ENEA mette a disposizione la propria infrastruttura di calcolo ad alte prestazioni alla comunità della ricerca pubblica e privata coinvolta in progetti applicativi che richiedono elevate potenze computazionali rilevanti per l’emergenza coronavirus.
Presso il data center ENEA di Portici CRESCO (Centro Ricerche Enea sui Sistemi Complessi) è operativo il sistema CRESCO6, costituito da 434 nodi Intel X86_64 Skylake per un totale di oltre 20000 cores, con sistema operativo Linux e interconnessi da una rete a bassa latenza
da 100 Gbps. CRESCO6 ha una potenza di picco di circa 1,4 PetaFlops e si è collocato al 420° posto nella lista di Novembre 2018 della TOP500 (www.top500.org) , che fornisce il ranking
dei supercomputer più performanti a livello mondiale. In Italia ENEA è l’unico Ente di ricerca
presente in questa lista, oltre a CINECA che mantiene la posizione di leader nazionale. In
aggiunta a questa risorsa di calcolo, l’ENEA rende disponibile anche altri sistemi HPC in
ambienti operativi X86_64/Linux.
Tali sistemi HPC hanno una gestione ottimizzata e condivisa delle risorse con tecniche di
schedulazione prioritaria delle richieste e un ambiente di sviluppo e calcolo personalizzato
basato sulla tecnologia dei “containers”. Le risorse software disponibili su tali sistemi
includono software scientifico con licenze proprietarie e di pubblico dominio per la
simulazione numerica in applicazioni di fluidodinamica, dinamica molecolare, analisi
MonteCarlo e intelligenza artificiale.
Accanto alle risorse di calcolo, l’ENEA rende disponibile i suoi sistemi di gestione dati con
una capacità di storage ad alte prestazione di 3 PB con backup per disaster recovery su tape
library da 2.5 PB.

I ricercatori di istituzioni pubbliche e/o private che intendono sottoporre una richiesta di
risorse computazionali sui sistemi HPC CRESCO devono inviare un mail a crescoforcovid19@enea.it

Con le seguenti informazioni:
– Contatto di riferimento: Nome e Cognome /mail/telefono
– Organizzazione di appartenenza con link al sito
– Ruolo nell’organizzazione
– Campo applicativo: 1) modellistica numerica, 2) intelligenza artificiale, 3) analisi dati
– Descrizione scientifica del progetto di calcolo rilevante per l’emergenza COVID-19
– Quadro di riferimento del progetto
– Risorse computazionali attualmente utilizzate e quelle desiderate

(I dati personali conferiti saranno trattati da ENEA, in qualità di Titolare del trattamento, al fine di riscontrare le richieste di risorse computazionali sui sistemi HPC CRESCO inoltrate tramite il presente form e ad eseguire il download dei documenti resi disponibili.
La base giuridica di tale trattamento è da rinvenirsi nei compiti istituzionali affidati ad ENEA e volti, in particolare, a fornire supporto, informazione e mettere a disposizione la propria infrastruttura di calcolo ad alte prestazioni alla comunità della ricerca pubblica e privata coinvolta in progetti applicativi che richiedono elevate potenze computazionali rilevanti per l’emergenza coronavirus.
I dati forniti saranno trattati con strumenti informatici e telematici e saranno conservati per il tempo necessario a offrire riscontro alle richieste e fornire il servizio di consultazione e download delle risorse computazionali sui sistemi HPC CRESCO.
Potrà esercitare i diritti previsti dal Regolamento (UE) 679/2016 (GDPR), inoltrando la relativa richiesta all’indirizzo privacy@enea.it. La invitiamo a consultare la nostra privacy policy https://www.enea.it/it/info/privacy per tutte le altre informazioni relative al trattamento dei tuoi dati personali.)

Rassegna Stampa

enea.it

Comunicato Stampa

Rassegna Cresco-Covid 07.04. 2020

Rassegna Cresco-Covid 06.04.2020

Rassegna Cresco-Covid 03.04.2020

Rassegna Cresco-Covid 02.04.2020

RAI NEWS 24, 01/04/2020

Rassegna Cresco-Covid 01.04.2020

Canale 5 – TG5

TGCOM24 – Covid-19. L’aiuto dalla tecnologia. Progetto di ENEA e Università di Firenze

ILSOLE24ORE.COM – Coronavirus, il supercomputer Enea a disposizione della ricerca su vaccini e farmaci

Il Messaggero, 30 marzo 2020

Rassegna CRESCO6 per COVID-19 (31 marzo 2020)

Agenzie di stampa

Coronavirus: supercomputer Enea per studio farmaci e vacciniE’ il Cresco6, presso la sede di Portici
(ANSA) – ROMA, 30 MAR – L’Enea mette il suo supercomputer a disposizione della ricerca su farmaci e vaccini contro il coronavirus. E’ uno dei supercomputer più potenti d’Italia, in grado di eseguire fino a 1,4 milioni di miliardi di operazioni matematiche al secondo, si chiama Cresco6 e si trova presso il centro dell’Enea a Portici, vicino Napoli.
“Crediamo che il supercomputer possa dare un contributo vitale in questo momento così cruciale per il nostro Paese per la ricerca di farmaci, vaccini e l’elaborazione di dati”, rileva il presidente dell’Enea, Federico Testa. Ad oggi, prosegue Testa, il supercomputer è già a disposizione del gruppo di ricerca dell’Università di Firenze coordinato da Piero Procacci, che sta lavorando a un processo per bloccare alla radice il meccanismo di replicazione del coronavirus SarsCoV2. (ANSA).

Coronavirus: supercomputer Enea per studio farmaci e vaccini (2)
(ANSA) – ROMA, 30 MAR – Il supercomputer Cresco6 è la seconda infrastruttura di calcolo per ordine di importanza in ambito pubblico in Italia, dopo quella del consorzio interuniversitario Cineca e dal 2018 è nella classifica dei primi 500 supercomputer grazie al raddoppio della sua potenza arrivata a 1,4 milioni di miliardi di operazioni matematiche al secondo (1.4 PetaFlops).
Grazie a queste capacità, il supercomputer dell’Enea è in grado di aiutare la ricerca su farmaci e vaccini mirati contro il nuovo coronavirus fornendo in poche ore una previsione affidabile della loro efficacia, sulla base di simulazioni eseguite su migliaia di processori in parallelo.

Covid-19, supercomputer Enea per la ricerca su farmaci e vaccini.
A disposizione della comunità scientifica impegnata contro virus

Roma, 30 mar. (Askanews) – Uno dei supercomputer più potenti d’Italia sarà a disposizione della ricerca scientifica pubblica e privata impegnata contro il coronavirus. Si tratta dell’infrastruttura CRESCO6, operativa presso il Centro ENEA di Portici, vicino Napoli, in grado di effettuare fino a 1,4 milioni di miliardi di operazioni matematiche al secondo.

“Crediamo che il supercomputer possa dare un contributo vitale in questo momento così cruciale per il nostro Paese per la ricerca di farmaci, vaccini e l’elaborazione di dati”, sottolinea il Presidente dell’ENEA Federico Testa. “Ad oggi è già a disposizione del team di ricercatori dell’Università di Firenze, coordinato dal professor Piero Procacci, che sta lavorando a un processo per bloccare alla radice il meccanismo di replicazione del COVID-19 e, quindi, lo sviluppo del virus”, aggiunge Testa.

HPC CRESCO6 – informa l’Enea – è la seconda infrastruttura di calcolo per ordine di importanza in ambito pubblico in Italia dopo quella di Cineca e sta svolgendo un ruolo chiave per testare l’efficacia dei composti sotto indagine, fornendo in poche ore una previsione affidabile della efficacia inibitoria di tali composti, basata su simulazioni a dettaglio atomistico effettuate su migliaia di processori in parallelo.

In pochi giorni di test con il team del professor Procacci dell’Università di Firenze sono stati individuati almeno due composti con caratteristiche promettenti, uno dei quali disponibile commercialmente. Dopo questa prima fase di messa a punto strutturale dei composti ottenuti, HPC CRESCO6 verrà utilizzato per cercare di individuare la struttura molecolare ottimale per un possibile farmaco antivirale specifico per il COVID-19.

Dal 2018, CRESCO6 figura nella prestigiosa TOP500, la classifica dei primi 500 supercomputer mondiali grazie al raddoppio della potenza arrivata a 1,4 milioni di miliardi di operazioni matematiche al secondo (1.4 PetaFlops). L’ingresso al 420° posto è stato annunciato al SuperComputing 2018 di Dallas, la principale conferenza nel campo del calcolo scientifico.

Tra i campi di applicazione di CRESCO6: l’elaborazione di modelli previsionali su cambiamenti climatici e inquinamento dell’aria con dettaglio territoriale molto accurato; studio di nuovi materiali per la produzione di energia pulita; simulazioni per la gestione delle infrastrutture critiche; biotecnologie; chimica computazionale; fluidodinamica per il settore aerospaziale; sviluppo di codici per la fusione nucleare.

I ricercatori di istituzioni pubbliche e private che intendono sottoporre una richiesta per avvalersi delle risorse computazionali ENEA possono scrivere a: crescoforcovid19@enea.it (Per maggiori informazioni: ict.enea.it).

CORONAVIRUS. SUPERCOMPUTER ENEA PER RICERCA SU FARMACI E VACCINI.
E’ OPERATIVO PRESSO IL CENTRO DI PORTICI
(DIRE) Roma, 30 mar. – Uno dei supercomputer più potenti d’Italia sarà a disposizione della ricerca scientifica pubblica e privata impegnata contro il coronavirus. Si tratta dell’infrastruttura CRESCO6, operativa presso il Centro ENEA di Portici, vicino Napoli, in grado di effettuare fino a 1,4 milioni di miliardi di operazioni matematiche al secondo. Per sottoporre una richiesta di risorse computazionali sui sistemi HPC CRESCO occorre inviare una mail a crescoforcovid19@enea.it.
“Crediamo che il supercomputer possa dare un contributo vitale in questo momento così cruciale per il nostro Paese per la ricerca di farmaci, vaccini e l’elaborazione di dati”, sottolinea il Presidente dell’ENEA Federico Testa. “Ad oggi è già a disposizione del team di ricercatori dell’Università di Firenze, coordinato dal professor Piero Procacci, che sta lavorando a un processo per bloccare alla radice il meccanismo di replicazione del COVID-19 e, quindi, lo sviluppo del virus”, aggiunge Testa. HPC CRESCO6 è la seconda infrastruttura di calcolo per ordine di importanza in ambito pubblico in Italia dopo quella di Cineca e sta svolgendo un ruolo chiave per testare l’efficacia dei composti sotto indagine, fornendo in poche ore una previsione affidabile della efficacia inibitoria di tali composti, basata su simulazioni a dettaglio atomistico effettuate su migliaia di processori in parallelo.
In pochi giorni di test con il team del professor Procacci dell’Università di Firenze sono stati individuati almeno due composti con caratteristiche promettenti, uno dei quali disponibile commercialmente. Dopo questa prima fase di messa a punto strutturale dei composti ottenuti, HPC CRESCO6 verrà utilizzato per cercare di individuare la struttura molecolare ottimale per un possibile farmaco antivirale specifico per il COVID-19.
Dal 2018, CRESCO6 figura nella prestigiosa TOP500, la classifica dei primi 500 supercomputer mondiali grazie al raddoppio della potenza arrivata a 1,4 milioni di miliardi di operazioni matematiche al secondo (1.4 PetaFlops). L’ingresso al 420° posto è stato annunciato al SuperComputing 2018 di Dallas, la principale conferenza nel campo del calcolo scientifico.(SEGUE)

CORONAVIRUS. SUPERCOMPUTER ENEA PER RICERCA SU FARMACI E VACCINI -2-
(DIRE) Roma, 30 mar. – Tra i campi di applicazione di CRESCO6: l’elaborazione di modelli previsionali su cambiamenti climatici e inquinamento dell’aria con dettaglio territoriale molto accurato; studio di nuovi materiali per la produzione di energia pulita; simulazioni per la gestione delle infrastrutture critiche; biotecnologie; chimica computazionale; fluidodinamica per il settore aerospaziale; sviluppo di codici per la fusione nucleare.
I ricercatori di istituzioni pubbliche e private che intendono sottoporre una richiesta per avvalersi delle risorse
computazionali ENEA possono scrivere a: crescoforcovid19@enea.it,
indicando:
– Contatto di riferimento con nome e cognome, mail e telefono;
– Organizzazione di appartenenza con link al sito;
– Ruolo nell’organizzazione;
– Campo applicativo: 1) modellistica numerica; 2) intelligenza
artificiale; 3) analisi dati;
– Descrizione scientifica del progetto di calcolo rilevante per
l’emergenza COVID-19;
– Quadro di riferimento del progetto.

Coronavirus, supercomputer ENEA a disposizione comunità scientifica
Per ricerca su farmaci e vaccini. Già a disposizione del team di ricercatori dell’Università di Firenze
(Teleborsa) – Precisione, affidabilità e velocità mai come ora fondamentali nella corsa per vincere la battaglia contro quello che ormai è stato ribattezzato il “nemico invisibile”. Proprio in quest’ottica, uno dei supercomputer più potenti d’Italia sarà a disposizione della ricerca scientifica pubblica e privata impegnata contro il coronavirus. Si tratta dell’infrastruttura CRESCO6, operativa presso il Centro ENEA di Portici, vicino Napoli, in grado di effettuare fino a 1,4 milioni di miliardi di operazioni matematiche al secondo. Per sottoporre una richiesta di risorse computazionali sui sistemi HPC CRESCO occorre inviare una mail a: crescoforcovid19@enea.it.

“Crediamo – si legge nella nota ufficiale – che il supercomputer possa dare un contributo vitale in questo momento così cruciale per il nostro Paese per la ricerca di farmaci, vaccini e l’elaborazione di dati”, sottolinea il Presidente dell’ENEA Federico Testa. “Ad oggi è già a disposizione del team di ricercatori dell’Università di Firenze, coordinato dal professor Piero Procacci, che sta lavorando a un processo per bloccare alla radice il meccanismo di replicazione del Covid-19 e, quindi, lo sviluppo del virus”, aggiunge Testa.

Seconda infrastruttura di calcolo per ordine di importanza in ambito pubblico in Italia dopo quella di Cineca – HPC CRESCO6 sta svolgendo un ruolo chiave per testare l’efficacia dei composti sotto indagine, fornendo in poche ore una previsione affidabile della efficacia inibitoria di tali composti, basata su simulazioni a dettaglio atomistico effettuate su migliaia di processori in parallelo. In pochi giorni di test con il team del professor Procacci dell’Università di Firenze sono stati individuati almeno due composti con caratteristiche promettenti, uno dei quali disponibile commercialmente. Dopo questa prima fase di messa a punto strutturale dei composti ottenuti, verrà utilizzato per cercare di individuare la struttura molecolare ottimale per un possibile farmaco antivirale specifico per il covid-19.

Dal 2018, inoltre, figura nella prestigiosa TOP500, la classifica dei primi 500 supercomputer mondiali grazie al raddoppio della potenza arrivata a 1,4 milioni di miliardi di operazioni matematiche al secondo (1.4 PetaFlops). L’ingresso al 420° posto è stato annunciato al SuperComputing 2018 di Dallas, la principale conferenza nel campo del calcolo scientifico.

Tra i campi di applicazione: l’elaborazione di modelli previsionali su cambiamenti climatici e inquinamento dell’aria con dettaglio territoriale molto accurato; studio di nuovi materiali per la produzione di energia pulita; simulazioni per la gestione delle infrastrutture critiche; biotecnologie; chimica computazionale; fluidodinamica per il settore aerospaziale; sviluppo di codici per la fusione nucleare.

Sicurezza ICT

Nel quadro delle attività di ICT per aumentare i livelli di sicurezza e l’adeguamento normativo, si sta proseguendo sulla strada dell’autenticazione (riconoscimento tramite account ASIE) per l’accesso alla rete dati.
Proprio in questi giorni è in via di ultimazione l’attivazione di questa funzionalità nel Centro ENEA di Trisaia. L’esperienza maturata nei mesi scorsi nel Centro di Brindisi ne ha permesso l’attivazione senza alcun disservizio particolare e con il pieno coinvolgimento degli utenti. Infatti in tutti Centri dove entra in produzione questa funzionalità sono stati promossi (e lo saranno in seguito per i Centri successivi) numerosi seminari per coinvolgere e formare l’utenza.
La divisione DTE-ICT sta attuando un percorso che porterà all’autenticazione di tutti gli utenti che, a qualsiasi titolo, si connettono ed utilizzano la rete ENEA.
Ciò avverrà sia per i dispositivi “mobili” quali portatili, tablet ecc, sia per i dispositivi attestati alla rete tramite cavo, quali PC, stazioni di lavoro ecc.
Questo per dar seguito a quanto indicato nelle comunicazioni sul “Corretto utilizzo della Rete Dati ENEA, delle apparecchiature informatiche e dei sistemi informatici ENEA”, specificato dalle circolari ENEA/2018/45831/DTE-ICT del 04.09.2018 e 32/2010/COMM del 01.06.2010, con relativo allegato 1.
Si ribadisce che tutti i “login e i log out” delle connessioni e disconnessioni alla rete saranno trattati per i soli scopi di sicurezza dell’infrastruttura e non sarà effettuato nessun controllo sulle attività dell’utente in ottemperanza alla normativa GDPR.

Nuove borse di studio per innovatori della rete

Bando a sportello per il conferimento di borse di studio dedicate allo sviluppo di servizi innovativi di rete, cloud e infrastrutture di calcolo.

GARR, la rete italiana dell’istruzione e della ricerca, ha avviato un programma di borse di studio per giovani innovatori per offrire a studenti magistrali e giovani ricercatori nel settore ICT l’opportunità di fare un’esperienza di studio e ricerca direttamente presso le sedi di Roma, Milano o Bari, approfondendo temi relativi al networking, alla trasmissione dati, al cloud e alle infrastrutture di calcolo.
Queste borse, del valore di 19.000 € lordi ciascuna, hanno una durata di 12 mesi con eventuale possibilità di proroga.
Ai fini della valutazione delle candidature verranno considerati elementi premianti l’originalità, l’innovazione e l’applicabilità a breve termine degli argomenti proposti.
Le proposte sono registrate e valutate in base all’ordine cronologico di presentazione e le borse tecnologiche sono assegnate fino ad esaurimento dei fondi disponibili.
Requisiti obbligatori richiesti sono:
• Data di nascita uguale o successiva al 1 gennaio 1990
• Possesso del titolo di laurea triennale, magistrale, laurea specialistica o laurea a ciclo unico
• Buona conoscenza della lingua inglese parlata e scritta

HPC5: il supercalcolatore Eni che accelera il cambiamento dell’energia

Il 6 febbraio 2020, al Green Data Center, si è tenuto l’evento di lancio del nuovo HPC5.

A moderare l’evento Daniele Manca, vicedirettore ed editorialista del Corriere della Sera, che si è confrontato con l’Amministratore Delegato Eni Claudio Descalzi.
Il tema è stato quello dell’innovazione tecnologica come mezzo per la definizione dell’energia di domani, con HPC5 che si inserisce in questo quadro come un prezioso tassello di arricchimento e utile mezzo per la velocizzazione di alcuni importanti progetti di ricerca della nostra azienda.

Sono intervenuti Biondo Biondi, direttore Dipartimento di Geofisica e Stanford Exploration Project, Università di Stanford; Fabio Trincardi, direttore Dipartimento di Scienze del sistema terra e tecnologie per l’ambiente, Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e, in collegamento congiunto, la base CNR delle Isole Svalbard; Giuliana Mattiazzo, vice Rettrice per il Trasferimento Tecnologico, Politecnico di Torino, e Denis G. Whyte, direttore “Plasma Science and Fusion Center”, Massachusetts Institute of Technology.

In conclusione l’intervento del presidente Eni, Emma Marcegaglia, per un punto sulla trasformazione energetica in atto. Dallo studio e dalla valutazione dei feedback sul clima e sull’ambiente derivanti dall’innalzamento delle temperature nella criosfera artica, un’attività di ricerca sviluppata in collaborazione con il CNR di Lecce, fino al lavoro in sinergia con il MIT di Boston sulla fusione magnetica o le attività svolte con il Politecnico di Torino in fatto di modellazioni fluidodinamiche per i sistemi della MarEnergy, Iswec e PowerBuoy®: numerose sono state le sezioni e i temi trattati insieme agli ospiti dell’evento.

 

RIPE: un’opportunità per presentare la propria ricerca in campo ICT

La RIPE Academic Cooperation Initiative (RACI) è alla ricerca di studenti, accademici e ricercatori di talento nel campo della tecnologia Internet che vogliano presentare le loro ricerche.
I candidati selezionati riceveranno, oltre alla possibilità di presentare i loro progetti, anche biglietti, viaggio e alloggio gratuiti per la partecipazione ai meetings organizzati.
Di seguito le modalità per partecipare alla selezione:
Interested applicants should submit a short abstract and draft slides via: https://www.ripe.net/raci
Application deadlines
– MENOG 20 (15-19 March, Manama): apply by 19 January 2020
– SEE 9 (7-8 April, Ljubljana): apply by 19 January 2020
– RIPE NCC Day (29 April, Tashkent): apply by 9 February 2020
– RIPE 80 (11-15 May, Berlin): apply by 9 February 2020
– ENOG 17 (8-9 June, Moscow): apply by 9 February 2020
At ENOG 17 and the RIPE NCC Day in Tashkent presentations in either Russian or English are accepted.
Examples of relevant topics
– Network measurements and analyses
– IPv6 deployment
– BGP routing
– Network security
– Internet governance
– Peering and interconnectivity
– Internet of Things

Get the latest news on RACI and Internet research
– Subscribe to the RACI mailing list: https://www.ripe.net/raci/mailing-list

– Join our group on LinkedIn: https://www.ripe.net/raci/linkedin

Visualizza questo intervento nel contesto

ITASEC20

ITALIAN CONFERENCE ON CYBERSECURITY

ANCONA 4-7 FEBRUARY 2020

 

La scadenza per la sottomissione per gli articoli è il 6 dicembre

Scaricare il pdf.