test Ecodigit

Ecosistema Digitale per la fruizione e la valorizzazione dei beni e delle attività culturali del Lazio – EcoDigit- è un progetto finanziato nell’ambito del Distretto Tecnologico per i Beni e le Attività Culturali della Regione Lazio.

Partecipanti:

  • Enti di Ricerca: CNR, ENEA, INFN.
  • Università: Roma Tre, Sapienza, Tor Vergata, Tuscia.

Durata del Progetto: Inizio 22.10.2018; Fine 22.01.2020.

Coordinatore: Valentina Presutti (CNR)

Persona di riferimento per ENEA: Ing. Marialuisa Mongelli

https://dtclazio.it/

http://ecodigit.dtclazio.it/

 

Obiettivi Duplica Rimuovi
Unità di Ricerca connesse al Progetto Duplica Rimuovi
Reti di Laboratori connesse al Progetto Duplica Rimuovi
Schema dei Work Package di Progetto: titolo e coordinamento Duplica Rimuovi
Ruolo ENEA Duplica Rimuovi
Risultati Duplica Rimuovi
AGGIUNGI ELEMENTO
Tipo

Serve Aiuto
Post Impostazioni Navigatore Cronologia
Modalità Responsive Anteprima modifiche AGGIORNA SALVA OPZIONI

L’Ecosistema digitale per la fruizione e la valorizzazione dei beni e delle attività culturali del Lazio (EcoDigit) ha l’obiettivo di arricchire il sistema Anagrafe delle Competenze del Distretto Tecnologico Beni ed Attività Culturali del Lazio con una piattaforma middleware che faciliti l’integrazione di nuove sorgenti di dati e consenta la pubblicazione e il riuso di servizi per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale del Lazio. Concretamente, ECODIGIT fornisce:
  1. l’architettura di riferimento, comprensiva della specifica delle interfacce per l’implementazione, l’integrazione di servizi modulari e per la loro pubblicazione e il riuso;
  2. una componente software sviluppata in forma prototipale per l’orchestrazione dei servizi, l’integrazione e l’aggregazione delle interfacce e dei dati;
  3. la specifica e la versione prototipale di alcuni servizi orientati alla fruizione e valorizzazione del Patrimonio Culturale.
ECODIGIT è pensato in modo da favorire la partecipazione di tutti gli “stakeholder” alla fruizione ed evoluzione dei suoi servizi e contenuti, dando supporto all’inclusione di patrimoni già esistenti e alla loro filiera di gestione. L’integrazione dei dati raccolti è gestita attraverso formati aperti e l’uso delle tecnologie semantiche basate sul modello dei Linked Data. ECODIGIT mira a conferire al sistema Anagrafe il ruolo di punto di riferimento per istituzioni, imprese, operatori della formazione e ricercatori che perseguono obiettivi, quali: la creazione di nuove collaborazioni; il supporto allo svolgimento delle attività di ricerca; il trasferimento tecnologico; la progettazione di nuove tecnologie e la fornitura di servizi di avanzato carattere tecnologico per la fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale. Dallo schema sottostante si evince la collocazione del Progetto EcoDigit nella struttura logica del Distretto Tecnologico:
UR3: Piattaforme multimediali avanzate, sistemi di comunicazione dell’informazione e dei contenuti culturali, modelli innovativi di gestione, digitalizzazione e archiviazione per la fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale. UR6: Piattaforme per la gestione del ciclo produttivo del contenuto culturale, nuove modalità fruitive e diffusive, format narrativi, nuovi modelli produttivi, fruitivi e distributivi per i contenuti culturali e nuove soluzioni infrastrutturali.
R2: Data Integration & Management (digitalizzazione, archiviazione, search engines, piattaforme, ecosistemi digitali e nuove tecnologie per l’apprendimento e l’editoria) R3: Virtualizzazione, multimedialità, gamification, tecnologie per l’audiovisivo. R4: Internet-of-things, robotica, intelligenza artificiale applicata alla cura e valorizzazione. R10: Tecnologie digitali per la riqualificazione architettonica, il design e la progettazione di allestimenti, il web design.
WP1
Coordinamento e project management
CNR
WP2
Piattaforma middleware per l’integrazione di servizi avanzati
Università La Sapienza
WP3
Modelli, metodi e strumenti per l’aggregazione di sorgenti
CNR-ISTC
WP4
Servizi avanzati per la fruizione e la valorizzazione del patrimonio culturale
Università Roma 3
ENEA partecipa con la Divisione Sviluppo sistemi per l’Informatica e l’ICT, che fa parte del dipartimento di Tecnologie Energetiche (DTE ICT). In particolare, ENEA guida il task T2.3  Proof of Concept del componente middleware: contribuisce con procedure automatiche per la creazione di ambienti virtuali, che consentano sia di velocizzare i tempi per lo studio del comportamento strutturale di un determinato manufatto storico, sia di facilitarne la relativa valorizzazione mediante visualizzatori grafici 3D con texture 3D di alta qualità.

Ecosistema Digitale per la fruizione e la valorizzazione dei beni e delle attività culturali del Lazio – EcoDigit- è un progetto finanziato nell’ambito del Distretto Tecnologico per i Beni e le Attività Culturali della Regione Lazio.

Partecipanti:

  • Enti di Ricerca: CNR, ENEA, INFN.
  • Università: Roma Tre, Sapienza, Tor Vergata, Tuscia.

Durata del Progetto: Inizio 22.10.2018; Fine 22.01.2020.

Coordinatore: Valentina Presutti (CNR)

Persona di riferimento per ENEA:  Ing. Marialuisa Mongelli

https://dtclazio.it/

http://ecodigit.dtclazio.it/

 
 

L’Ecosistema digitale per la fruizione e la valorizzazione dei beni e delle attività culturali del Lazio (EcoDigit) ha l’obiettivo di arricchire il sistema Anagrafe delle Competenze del Distretto Tecnologico Beni ed Attività Culturali del Lazio con una piattaforma middleware che faciliti l’integrazione di nuove sorgenti di dati e consenta la pubblicazione e il riuso di servizi per la valorizzazione e la fruizione del patrimonio culturale del Lazio. Concretamente, ECODIGIT fornisce:

  1. l’architettura di riferimento, comprensiva della specifica delle interfacce per l’implementazione, l’integrazione di servizi modulari e per la loro pubblicazione e il riuso;
  2. una componente software sviluppata in forma prototipale per l’orchestrazione dei servizi, l’integrazione e l’aggregazione delle interfacce e dei dati;
  3. la specifica e la versione prototipale di alcuni servizi orientati alla fruizione e valorizzazione del Patrimonio Culturale.

ECODIGIT è pensato in modo da favorire la partecipazione di tutti gli “stakeholder” alla fruizione ed evoluzione dei suoi servizi e contenuti, dando supporto all’inclusione di patrimoni già esistenti e alla loro filiera di gestione. L’integrazione dei dati raccolti è gestita attraverso formati aperti e l’uso delle tecnologie semantiche basate sul modello dei Linked Data.

ECODIGIT mira a conferire al sistema Anagrafe il ruolo di punto di riferimento per istituzioni, imprese, operatori della formazione e ricercatori che perseguono obiettivi, quali: la creazione di nuove collaborazioni; il supporto allo svolgimento delle attività di ricerca; il trasferimento tecnologico; la progettazione di nuove tecnologie e la fornitura di servizi di avanzato carattere tecnologico per la fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale.

Dallo schema sottostante si evince la collocazione del Progetto EcoDigit nella struttura logica del Distretto Tecnologico:

UR3: Piattaforme multimediali avanzate, sistemi di comunicazione dell’informazione e dei contenuti culturali, modelli innovativi di gestione, digitalizzazione e archiviazione per la fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale.

UR6: Piattaforme per la gestione del ciclo produttivo del contenuto culturale, nuove modalità fruitive e diffusive, format narrativi, nuovi modelli produttivi, fruitivi e distributivi per i contenuti culturali e nuove soluzioni infrastrutturali.

R2: Data Integration & Management (digitalizzazione, archiviazione, search engines, piattaforme, ecosistemi digitali e nuove tecnologie per l’apprendimento e l’editoria)

R3: Virtualizzazione, multimedialità, gamification, tecnologie per l’audiovisivo.

R4: Internet-of-things, robotica, intelligenza artificiale applicata alla cura e valorizzazione.

R10: Tecnologie digitali per la riqualificazione architettonica, il design e la progettazione di allestimenti, il web design.

WP1
Coordinamento e project management
 
CNR
WP2
Piattaforma middleware per l’integrazione di servizi avanzati
 
Università La Sapienza
 
WP3
Modelli, metodi e strumenti per l’aggregazione di sorgenti
 
CNR-ISTC
WP4
Servizi avanzati per la fruizione e la valorizzazione del patrimonio culturale
 
Università Roma 3

ENEA partecipa con la Divisione Sviluppo sistemi per l’Informatica e l’ICT, che fa parte del dipartimento di Tecnologie Energetiche (DTE ICT). In particolare, ENEA guida il task T2.3  Proof of Concept del componente middleware: contribuisce con procedure automatiche per la creazione di ambienti virtuali, che consentano sia di velocizzare i tempi per lo studio del comportamento strutturale di un determinato manufatto storico, sia di facilitarne la relativa valorizzazione mediante visualizzatori grafici 3D con texture 3D di alta qualità.